FRANCO BATTIATO

Biografia

Franco Battiato, è nato a Giarre il 23 marzo del 1945.

Trasferitosi a Milano nel 1965, Franco Battiato pubblica due singoli per la rivista di enigmistica Nuova Enigmistica Tascabile, che proponeva come allegati dischi di canzoni celebri interpretati da cantanti poco conosciuti, che oggi vantano un alto valore collezionistico. In queste due occasioni, egli appare col nome di Francesco Battiato.

Con Gregorio Alicata suo compaesano, già pianista di Edoardo Vianello ed autore di un certo successo (suo il brano Tremarella, hit degli anni sessanta) Franco forma un duo, "Gli Ambulanti", con un repertorio di canzoni di protesta: si esibiscono davanti alle uscite delle scuole, suscitando molta curiosità, ed è proprio in questa fase che vengono notati da Giorgio Gaber (1967), che li presenta alla casa discografica Dischi Ricordi, che li boccia dopo un provino in sala d'incisione ed il duo si scioglie e Franco Battiato decide di continuare da solo.

Giorgio Gaber procura allora a Franco Battiato un contratto con la casa discografica Jolly, inserendosi nel filone di "protesta" che in quel momento andava molto di moda. I primi singoli che Franco Battiato incide ufficialmente furono La torre a cui fa seguito Il mondo va così e Triste come me.

Franco Battiato che ride Personalità fra le più eclettiche, originali ed influenti del panorama artistico italiano, Franco Battiato ha attraversato molteplici commistioni e stili musicali. Dagli inizi romantici, alla musica sperimentale, passando per l'avanguardia colta, l'opera lirica, la musica etnica, il rock progressivo e la musica leggera, attuando frequenti contaminazioni tra questi e con altri ancora fra generi musicali, riuscendo sempre a cogliere un grande successo di pubblico e di critica e costruendo una carriera artistica senza eguali che lo ha visto recentemente cimentarsi anche nella regia cinematografica. Non solo la musica, ma anche i testi di Franco Battiato riflettono i suoi molteplici interessi, tra i quali l'esoterismo, la filosofia e la meditazione orientale.

Franco Battiato con la cuffia Parecchi brani di Franco Battiato sono entrati a pieno diritto nella storia musicale, non solo italiana: basta citare L'era del cinghiale bianco, Il re del mondo, Up patriots to arms, Prospettiva Nevskji, Bandiera bianca, Centro di gravità permanente, Cuccurucucu, Radio Varsavia, Voglio vederti danzare, I treni di Tozeur (con il quale nel 1984 si classifica al quinto posto dell'Eurofestival in coppia con la cantante Alice), Nella musica di Franco Battiato si avverte una profonda e costante ricerca di spiritualità: da citare su tutti E ti vengo a cercare, L'oceano di silenzio e L'ombra della luce.

 

HOME PAGE

CANTANTI ANNI 60

BIOGRAFIA

SITO UFFICIALE